Felicità…pagata caro prezzo.

Sono rimasta basita leggendo la notizia di cronaca odierna da cui si evinceva che l’assassino dei Murazzi di Torino ha ucciso la sua vittima perché l’ha vista felice…Ormai i moventi dei delitti sono questi…Uso di sostanze o patologia psichiatrica si nascondono dietro il movente?
Credo non si sappia ancora. Però non si può essere felici perché le emozioni positive dell’altro generano forse invidia e rabbia e svegliano i propri fantasmi interiori non risolti…Al posto della vittima poteva esserci ognuno di noi, mentre sorrideva alla vita, in una soleggiata mattina torinese…

 

Dott.ssa Sonia Costalla

L’ingombro dei sensi di colpa

Liberarsi dal peso e dall’ingombro dei sensi di colpa che intralciano la nostra strada è il primo passo per legittimarsi di più ad esserci e a vivere anche la leggerezza della vita…Perché allora trascinarsi dietro inutili fardelli?

Dott.ssa Sonia Costalla