Cosa fare difronte a un figlio che si fa male (parte 14)

Un genitore che che si trova difronte a un figlio che si ferisce non deve colpevolizzarlo per evitare che si chiuda di più ma parlare con lui evitando scene teatrali e drammi.
L’atteggiamento empatico e l’accoglienza, potranno aiutare a gestire le emozioni in modo diverso.
L’autolesionismo è una richiesta d’aiuto da ascoltare perché i ragazzi parlano attraverso il corpo e le ferite rappresentano il loro dolore che deve e può avere voce.

Dott.ssa Sonia Costalla

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.