La rabbia

E’ una reazione emotiva a volte incontrollata che Seneca definiva come “una follia con un tempo”…La cultura e l’ambiente spesso tramandano il concetto, già da bambini, che “chi si arrabbia è cattivo”. Mi piace tramandare ai “miei bambini” e ai loro genitori, che imparare a difendersi, usando i giusti strumenti e non soccombere ai soprusi altrui e ai loro “giochi di potere”, non vuol dire essere cattivi e inadeguati.
Importante però è dare voce a quella rabbia, non “abbassandosi ad agiti altrettanto bassi”.
Le parole usate nel momento e nel contesto giusto elevano e danno un senso diverso ad ogni azione, anche a quella che avrebbe avuto come fine, l’offesa e la svalutazione.
Rabbia vuol dire allora non solo aggressività, ma anche difesa, amor proprio e vitalità…

Dott.ssa Sonia Costalla

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.