Vuoto e/o relazioni sociali (4 parte)

In un contesto come quello di un paesino come Ormea, forse è ancora possibile, come facevo io “passare a chiamarsi”, citofonarsi, per ritrovarsi a parlare seduti su un gradino fino a tarda notte.
Nelle città, la carenza di questi spazi e di queste opportunità che solo apparentemente sembrano banali, ha portato allo sfociare e al “DILAGARE” di molti disturbi depressivi e  ansiosi, che se sottovalutati possono avere conseguenze anche gravi.
Tutti questi disturbi hanno alla base, l’incapacità di non mettere in atto delle relazioni sociali sane e misurarsi con i pari. Questo sfocia nei casi più estremi nell’incapacità a mettersi a confronto con gli altri, anche in contesto protetto come la SCUOLA.

Dott.ssa Sonia Costalla

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.